Gestire i bimbi ipoacusici dalla nascita al trattamento: protocolli, linee-guida

Misure, politiche, indicazioni e raccomandazioni sono alla base della gestione in sanità. Stefano Berrettini di Pisa illustra le novità, in tema di bambini e di impianti cocleari per adulti e anziani.

Per gli specialisti che da molti anni fanno scuola con le loro pratiche cliniche è una materia nota e consolidata, ma non sempre l’organizzazione del sistema della salute corrisponde alle necessità e interpreta al meglio le opportunità. Ad esempio, in tema di impianti cocleari: oggi subentrano nuove indicazioni al trattamento, per quanto riguarda i pazienti adulti, e si sa con certezza che non vi sono limiti di età anche in termini di costo-efficacia, in casi particolari anche dal punto di vista bilaterale. Le linee-guida pertanto, pure recenti di pochi anni, sono soggette a modifiche e aggiornamenti alla luce delle novità scientifiche emerse dalla ricerca. Protocolli da uniformare riguardano anche i soggetti pediatrici: l’introduzione dello screening audiologico neonatale nei nuovi LEA – Livelli Essenziali di Assistenza ha sì recepito le procedure che già in molte regioni italiane venivano seguite, ora però è opportuno proseguire sul piano della diagnosi, del trattamento riabilitativo, della sorveglianza audiologica, affinché tutto il percorso della presa in carico sia parimenti diffuso in maniera capillare e adeguata sull’intero territorio del Paese. Lo specialista pisano definisce il piano di lavoro su cui sono impegnate le società scientifiche e le più importanti figure del panorama otologico nazionale.

Claudia Patrone