Amplifon sbarca in Ungheria, grazie a Kind

sede Amplifon Milano WEB © Amplifon

Con l’acquisizione della catena retail Kind Hallàscentrum Kft, di proprietà dell’omonimo gruppo tedesco, Amplifon annuncia di aver rafforzato la propria posizione nel mercato ungherese degli apparecchi acustici.

È un matrimonio d’affari quello appena celebrato fra la multinazionale italiana che distribuisce apparecchi acustici nel mondo ed il gruppo tedesco che figura tra i suoi più importanti concorrenti europei: Amplifon e Kind, ad inizio luglio 2013, hanno annunciato infatti una transazione destinata a rafforzare la presenza del marchio nostrano in Ungheria. La "posizione di leadership" nel Paese dell’Est-Europa viene consolidata – ha comunicato l’azienda – "attraverso l’acquisizione della catena retail Kind Hallàscentrum Kft, di proprietà della tedesca Kind e terzo player del mercato".

Kind è il più diffuso marchio di soluzioni acustiche in Germania ed è presente in altri quindici Paesi con circa seicento punti vendita, in particolare nel Centro e nell’Est europeo; in Ungheria la rete comprende undici negozi, dislocati strategicamente a Budapest e nelle principali città. Amplifon, dal canto suo, vi opera fin dal 2002 e attualmente conta ventisei centri e undici corner: negli ultimi cinque anni, ha fatto registrare un CAGR (tasso di crescita annuale composto) pari al 18,5%.

Con l’acquisizione della catena Kind – prosegue il comunicato stampa – il gruppo italiano beneficerà di economie di scala e di un miglioramento ulteriore della redditività, forte della riconoscibilità del marchio Amplifon. Piena soddisfazione è stata espressa dall’amministratore delegato, Franco Moscetti, che ha dichiarato: «Il rafforzamento della nostra posizione di leadership, unitamente alla riconoscibilità del brand Amplifon e all’esperienza del nostro management locale, ci consentiranno di sviluppare ulteriormente il nostro business in un mercato che continua a registrare solidi tassi di crescita», aggiungendo anche parole di apprezzamento nei confronti del partner commerciale tedesco. «Sono inoltre particolarmente soddisfatto delle ottime relazioni che da tempo intratteniamo con la famiglia Kind, alla quale ci accomunano il forte orientamento alla soddisfazione del cliente e la profonda conoscenza del nostro settore». Non sono state comunicate notizie precise sul valore complessivo dell’operazione: dal quartier generale di Milano si sono limitati a riferire che «non avrà un impatto significativo sulla posizione finanziaria netta del gruppo», mentre a circa un milione di euro l’anno ammonta l’atteso fatturato incrementale. Con l’acquisizione della catena Kind, Amplifon aggiunge un altro tassello al suo programma di internazionalizzazione e consolidamento globale, che ha già visto in tempi recenti l’ingresso in Turchia e in Polonia. Infos : www.amplifon.com

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">