Ricorre il decimo anniversario, per la campagna di controlli “Nonno, Ascoltami!”

Prevenzione

Bruno Vespa, ambasciatore 2019 della campagna, con il fondatore Mauro Menzietti nella giornata di presentazione dell’edizione odierna in Senato. © Nonno Ascoltami

Consuetudine autunnale che è riuscita a portare i controlli dell’udito in numerose piazze italiane, la campagna promossa dall’associazione “Nonno, Ascoltami!” è giunta quest’anno alla decima edizione: il traguardo è stato celebrato nel corso di una presentazione ufficiale al Senato della Repubblica.

Ha presenziato un nutrito gruppo di operatori sanitari volontari che, insieme agli organizzatori, ha testimoniato in misura crescente quanto sia importante la prevenzione. L’iniziativa ha richiamato anche l’esigenza di trasmettere l’informazione più adeguata ai pazienti, sempre più bersaglio di promozioni commerciali lontane dall’approccio scientifico all’ipoacusia: «Il nostro impegno – ha spiegato Mauro Menzietti, ideatore dell’evento nel 2010 – è avvicinare la sanità alla gente. Negli anni le nostre campagne sono cresciute enormemente, a dimostrazione che le persone hanno bisogno di essere correttamente informate. L’udito è un senso molto importante, eppure spesso viene sottovalutato; così ogni giorno rischiamo di comprometterlo con comportamenti scorretti. Infine, un’utile raccomandazione: è sconsigliabile ricorrere a soluzioni improvvisate o, peggio, al fai-da-te. È sempre necessaria una visita dall’otorinolaringoiatra o dall’audioprotesista, i soli specialisti davvero in grado di individuare la causa della perdita uditiva e stabilire la soluzione più efficace». Il giornalista Bruno Vespa, abruzzese come Menzietti, ha prestato la sua immagine per veicolare il messaggio in qualità di ambasciatore della campagna.

L’iniziativa ha affollato per cinque domeniche, dal 22 settembre al 20 ottobre 2019, le piazze principali di trentasei città italiane di sedici regioni che, a rotazione, hanno ospitato i controlli dell’udito, ma hanno anche fatto da sfondo all’intrattenimento che ha sempre fatto di “Nonno, Ascoltami!” l’occasione per riunire le famiglie in un momento di consapevolezza e cura di sé che attraversa le generazioni. La responsabilità della sensibilizzazione della popolazione, infatti, passa ormai dalle centinaia di operatori sanitari volontari, medici specialisti otorinolaringoiatri e audiologi foniatri, ma anche tecnici audiometristi e audioprotesisti, che ogni anno hanno prestato il loro impegno, il loro tempo, la loro professionalità e la loro umanità per portare l’ospedale direttamente nei luoghi di incontro dei cittadini, in un contesto magari inconsueto per la visita, ma proprio per questo importante per avvicinare alla prevenzione anche le persone finora lontane dagli ambulatori e dai centri acustici. In alcune piazze, oltre ai controlli dell’udito, nell’edizione odierna sono stati offerti anche esami vestibolari, al fine di identificare il rischio di patologie labirintiche che, insieme ad altre condizioni cliniche, possono aumentare il pericolo di cadute.

Info: Nonno, Ascoltami!.

C. P.

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">