Da Firenze, il dibattito su audiologia, sociologia e business: è Audiology Forum

Eventi

Business e scienza, ma anche sociologia: all'Audiology Forum, Paolo Crepet. © Audiology Forum

Audiologia, business e sociologia sono settori interconnessi ma, ad oggi, non si sono registrati molti eventi di aggiornamento professionale che abbiano affrontato con pari attenzione tutti e tre gli aspetti: a Firenze, sabato 3 febbraio, specialisti ed esperti si ritrovano all’Audiology Forum 2018.

Ad analizzare l’approccio con cui è stato organizzato il programma si ha la conferma che scienza, economia e società sono alla base dell’argomento di stretta attualità della salute uditiva: i medici e gli operatori sanitari sono sempre più spesso a contatto con le innovazioni tecnologiche del settore; i dirigenti delle imprese fronteggiano continue sfide per competere in un mercato complesso e ricercato in continua evoluzione; l’ipoacusia incide notevolmente sul benessere dell’individuo ma anche sulle sue relazioni personali, sulla famiglia, negli ambienti di lavoro e di svago. Per questo un approfondimento a tre livelli può offrire agli attori impegnati in questi ambiti nuove direzioni e autorevoli consigli, al fine di alimentare le rispettive attività lavorative quotidiane di risorse, soluzioni ed efficacia. L’Audiology Forum, pertanto, chiama al confronto alcuni dei massimi esponenti nelle tre materie, con l’obiettivo di avviare una discussione globale intorno alla riabilitazione dell’udito: a guidare un gruppo nutrito di colleghi provenienti dalle più prestigiose scuole universitarie italiane è Antonio Della Volpe, direttore dell’Unità Operativa Semplice Dipartimentale e Centro di Riferimento Regionale per gli Impianti Cocleari e la Diagnostica Audiologica dell’Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale “Santobono-Pausilipon” di Napoli; accanto a loro, docenti di marketing e gestione aziendale nel contesto medicale, come Massimo Cavalieri della PCA – Professional Coaching Association, Fabio Ancarani della Bologna Business School e Paolo Di Marco della Scuola di Economia, Management e Statistica dell’Università di Bologna, offrono un osservatorio privilegiato per prepararsi alle nuove tendenze e al futuro; ad illustrare il contemporaneo concetto di vecchiaia, che ha di fatto trasformato le modalità in cui gli anziani oggi vivono la terza età, è infine stato chiamato un volto noto della conoscenza umana come Paolo Crepet, psichiatra torinese.

Coordinatore e promotore della giornata di Firenze, accreditata per la formazione ECM di Educazione Continua in Medicina, è il gruppo di aziende Interacoustics, Oticon e Oticon Medical, che si propone di dialogare di audiologia in maniera innovativa, come sottolinea nel suo invito Alessandro Bondi, direttore generale di Oticon Italia: «Abbiamo accettato con entusiasmo l’opportunità di supportare questo prestigioso evento, convinti che solo con la collaborazione fra eccellenze potremo affrontare sfide sempre più ambiziose e liberare tutto il nostro potenziale». Ad ospitare il 1° Audiology Forum 2018 è il centro congressi dell’hotel Hilton Florence Metropole: appuntamento sabato 3 febbraio, dalle ore 9.30 alle 18.30. Coprirà il convegno anche Audiology Infos Italia, che seguirà lo svolgimento dei lavori con la consueta diretta Twitter, consultabile sull’account della testata @AudiologyItalia con hashtag #AudiologyForum2018.

Info: 1° Audiology Forum Firenze 2018.

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">