L’audiologia moderna per ogni età: la rivista di luglio, aspettando il #SIAF2017

Informazione

Copertina dedicata ai contenuti del 36° SIAF di Siena 2017, presidente Livi. © EDP

Congresso della Società Italiana di Audiologia e Foniatria in primo piano, nel numero di luglio della rivista Audiology Infos Italia: e tanti argomenti, reportage, contributi d’autore e spunti di riflessione. La riabilitazione personalizzata per neonati, ragazzi, adulti e anziani oggi è l’obiettivo.

Ha una simbolica stretta di mano fra un bambino e un nonno, in copertina, la nuova edizione stampata di questa testata, ad illustrare il concetto principale espresso da Walter Livi, presidente dell’evento formativo 36° SIAF – che si terrà a Siena dal 27 al 30 settembre prossimi – il quale è protagonista di un’intervista sui contenuti principali che attendono le centinaia di partecipanti all’appuntamento. Un momento didattico che fa dell’approccio multidisciplinare ed intergenerazionale il suo punto di forza, che la nostra redazione seguirà come di consueto con una diretta Twitter, consultabile all’account @AudiologyItalia con hashtag #SIAF2017.

Per quanto riguarda gli altri servizi, possiamo segnalare i ricchi resoconti dai più importanti congressi della primavera, a livello nazionale e internazionale: il 104° SIO di Sorrento, che presenta una decina di videointerviste realizzate ai numerosi protagonisti nelle aule di aggiornamento scientifico e nell’area espositiva; e AudiologyNOW! 2017, l’annuale salone dell’American Academy of Audiology, che ha portato ad Indianapolis le più recenti novità tecnologiche del comparto dell’udito. Non mancano, inoltre, due interessanti articoli firmati da professionisti esperti nei relativi campi di attività: di microtia e atresia auris maggiore, trattate con una riabilitazione sia funzionale sia estetica, parla Giuseppe Nicolò Frau, che all’Ospedale “Santa Maria del Carmine” di Rovereto (Trento) si è specializzato con la sua équipe nella cura efficace di queste patologie; la rieducazione audiometrica alla base della terapia per la disfunzione tubarica, con recupero uditivo ottenuto in assenza di protesi acustiche, è poi il tema di un caso clinico esemplare illustrato da Maddalena Corrias, giovane tecnica sarda attiva presso il Policlinico Sassarese.

Buone notizie, infine, per chi si appresta a valutare l’acquisto di una cabina silente: un approfondimento in materia propone i dettagli delle ultime tendenze del mercato, che aggiungono all’assenza di rumore funzionale un’assenza di struttura – per così dire – cercando di mimetizzare al massimo gli spazi dedicati ai test acustici, rendendoli in misura crescente pressoché invisibili. Non si tratta più soltanto di scegliere fra modelli standard e soluzioni su misura: oggi per gli ospedali in costruzione già si pensa alla camera anecoica nella fase del progetto architettonico, per integrarla pienamente come elemento sostanziale.