Speciale 58° EUHA: i prodotti in prima pagina del più importante salone d’Europa

Reportage

I prodotti Carista 5 e 3 si declinano in quattro BTE e sei intrauricolari, e sono disponibili in cinque colori. © Bernafon

Due grandi occasioni internazionali offrono l’opportunità all’industria degli apparecchi acustici di dimostrare un sapere costantemente rinnovato e presentare nuovi prodotti: il congresso dell’American Academy of Audiology, in primavera, e il suo corrispondente europeo, quello dell’EUHA, in autunno.

Due tappe nell’anno che consentono di tastare il polso del settore e di scoprire le soluzioni uditive che saranno d’attualità nelle settimane successive.

Anche quest’anno, la 58ª edizione dell’EUHA non ha fatto eccezione, ed ha permesso ai fabbricanti di esporre le novità e mostrare le gamme di tutti i segmenti, per rispondere sempre meglio alle esigenze degli ipoacusici. Con il rinnovamento continuo dei prodotti, l’offerta non cessa di ampliarsi ed arriva ad arricchire cataloghi sempre più completi.

Audiology Infos propone in questo approfondimento un panorama delle novità autunnali. Buona lettura!

Apparecchi acustici

Bernafon

I prodotti Carista 5 e 3 si declinano in quattro BTE e sei intrauricolari, e sono disponibili in cinque colori. © Bernafon

Il fabbricante svizzero Bernafon presenta due nuovi prodotti, Carista 5 e Carista 3. Questi due apparecchi di media gamma sono dotati del sistema Audio Efficiency, normalmente riservato ai segmenti di fascia alta.

Audio Efficiency è un pacchetto di funzionalità che comprende l’elaborazione del segnale ChannelFree, la direzionalità adattiva, la connettività senza fili, la sincronizzazione binaurale Adaptive Feedback Canceller Plus, Adaptive Noise Reduction Plus e Transient Noise Reduction Features. “Siamo felici di portare la connettività wireless ai nostri apparecchi di media gamma con Carista”, ha spiegato in un comunicato Giuseppe Romaniello, responsabile dei prodotti Carista per Bernafon. “Un ingresso diretto per la tv, il telefono cellulare, il gps e altri dispositivi, situato negli apparecchi acustici, permette di avere meno rumore di fondo e di beneficiare di un ascolto anche molto più agevole e adatto”.

Coselgi

La gamma Coselgi ha suscitato un vivo interesse al salone EUHA 2013, non soltanto da parte degli audioprotesisti tedeschi ma anche dei distributori potenziali del mondo intero. © Coselgi

Nel suo stand, Coselgi ha puntato sulla nuova gamma di apparecchi senza fili Melodia.

Dopo aver ammortizzato i costi di ricerca e sviluppo e deciso di commercializzare la serie unicamente via telefono e web, Melodia di Coselgi offre un eccellente rapporto qualità/prezzo, per gli audioprotesisti e i loro pazienti.

Melodia è una gamma performante grazie alla comunicazione interaurale e alla programmazione wireless: prevede un’ampia scelta di apparecchi fra cinque modelli, RIC, mini-BTE, BTE, CIC e ITE; quattro livelli di gamma a 15, 10, 5 e 3 canali; telecomandi specializzati, facili e intuitivi.


GN ReSound

È praticamente invisibile la soluzione di ReSound Lex. © GN ReSound

Al salone tedesco, GN ReSound ha presentato un nuovo concept di apparecchio chiamato ReSound Lex™. Composto da una chiocciola standard e da un microfono remoto, questo tipo di soluzione IOT (Invisible Open Technology) ricorda l’estetica del Be by ReSound di quattro anni fa. ReSound Lex è tuttavia un apparecchio acustico tutto nuovo completamente ridisegnato, che si può adattare al più ampio numero di persone ipoacusiche. GN ReSound dichiara possibilità di adattamento comprese fra 70% e 80% dei condotti uditivi e oltre 60% di linee di apparecchi.

ReSound Lex è un apparecchio acustico di alta gamma che combina la discrezione di un intrauricolare con la prestazione acustica di un mini-BTE open, pur preservando dall’effetto di occlusione e di autofonazione. Consente di mantenere una sonorità naturale, grazie all’effetto periferico, e offre un’esperienza uditiva superiore, come sottolinea il marchio danese. Oltre a ReSound Range™, gli algoritmi più performanti, in particolare della gamma Alera 9, sono compresi in ReSound Lex™: l’elaborazione WARP™ per il trattamento del segnale, l’anti-Larsen DFS Ultra™, il riduttore di rumore Noise Tracker™ II e l’Environmental Optimizer™ II, che gestisce automaticamente le impostazioni ambientali.

Autentico condensato di tecnologia, ReSound Lex migliora la comprensione anche negli ambienti più complessi. L’apparecchio acustico analizza automaticamente l’ambiente sonoro nel quale l’ipoacusico si muove e vi si adatta non appena esso cambia. Allo stesso modo, il volume e le regolazioni si impostano in modo automatico per permettere al portatore di beneficiare di una qualità sonora straordinaria e naturale.

«Con questo prodotto speriamo di avere lo stesso successo del ReSound Air», ha commentato Gian Carlo Sciuchetti, vicepresidente marketing globale per GN.

Hansaton

La famiglia di apparecchi acustici ricaricabili Hansaton, con tecnologia XearA. © Hansaton

Hansaton, con la sua gamma XearA Technology (Antaro, Inara e Sorino, disponibile in versione X-Micro, X-Mini, Mini e Slim), ha presentato all’EUHA i suoi nuovi intrauricolari e retroauricolari ricaricabili AQ3G dotati di tecnologia XearA. Questo chip beneficia del SoundRestore, sistema di compressione frequenziale per migliorare la comprensione del parlato; della tecnologia di audiometria in situ, che permette di misurare il deficit uditivo direttamente grazie agli apparecchi acustici durante la prova; e della funzionalità Conversation Lift, che consente una direzionalità dei microfoni ed una riduzione del rumore circostante. La prestazione dell’apparecchio viene mantenuta anche nei vari ambienti sonori, grazie alla tecnologia Intelligent Acclimatization Manager. Infine, XearA Technology propone un nuovo sistema anti-Larsen, il FeedBack X. XearA Technology è operativa con i software Connexx 7.1.4 e Hansafit 7.1.4.

Oticon

Compatibili con tutti gli accessori ConnectLine, le soluzioni per l’udito Oticon sanno farsi apprezzare dai clienti: sopra, alcune novità dell’autunno 2013. © Oticon

Oticon ha presentato due novità nell’autunno 2013, costruite sulla piattaforma Inium.

A settembre 2013 è arrivata la gamma Nera, con una tecnologia avanzata per un suono dichiaratamente eccezionale. Oticon Nera Pro / Nera, nuova soluzione di fascia media chiamata anche avanzata, è direttamente declinata a partire da quella elevata di Alta Pro e Alta. Questi apparecchi acustici offrono un suono eccezionale e tecnologie inedite a questo livello e, sempre, la possibilità di personalizzare i dispositivi in base ai gusti sonori dell’utente.

La novità di ottobre 2013 è stata la gamma Sensei, concepita come il meglio possibile per ogni paziente pediatrico. La famiglia Oticon Sensei Pro e Sensei permette una combinazione ottimale delle prestazioni degli apparecchi acustici Premium, e consente anche l’integrazione delle innovazioni e delle funzionalità pediatriche specifiche.


Phonak

Phonak presenta il portfolio di soluzioni uditive innovative più completo, ad oggi.

Forte di quarant’anni di esperienza nel settore pediatrico, l’azienda ha sviluppato la gamma di apparecchi acustici Phonak Sky Q interamente dedicata ai bambini ipoacusici, considerando che l’accesso al linguaggio e alla parola è fondamentale per il loro sviluppo.

Le nuove soluzioni Phonak Baseo Q15 (retroauricolari) e Tao Q15 (intrauricolari) soddisfano i pazienti sensibili all’aspetto economico. Basate sulla tecnologia innovativa Phonak Quest, offrono un equilibrio perfetto tra prestazioni e prezzo.

La nuova serie di tecnologia digitale wireless Roger colma le lacune di comprensione nel rumore e a distanza, trasmettendo senza fili la voce dell’interlocutore direttamente all’uditore. Sono anche disponibili due nuovi microfoni, semplici all’uso.

Infine, il telefono wireless Phonak DECT, per un utilizzo domestico, trasmette la conversazione simultaneamente nei due apparecchi acustici.

Siemens

Allestimenti della gamma di apparecchi Siemens. © Siemens

Amplificazione massima con Nitro. Siemens completa la sua gamma micon con il lancio della nuova famiglia di intrauricolari chiamata appunto Nitro: una soluzione potenziata, per perdite uditive da severe a profonde. Combinando potenza assoluta ed alta tecnologia, Nitro micon offre le opzioni, le funzionalità e la potenza attese dagli utenti.

Nuovo doppio anti-Larsen micon. Grazie ad una gestione del Larsen in due fasi e ad una misurazione continua del guadagno critico, i portatori possono beneficiare di un suono di qualità e di un comfort di ascolto senza fischi.

Una nuova modalità costruttiva: Optivent™. Con Optivent, la misura del soffio del vento viene ottimizzata in modo da prevenire qualsiasi effetto di risonanza. Associato al doppio anti-Larsen micon, Optivent migliora la resistenza ai fischi e consente di ottenere una migliore aerazione, per una soddisfazione del paziente immediata e duratura.

La connettività. La maggior parte dei modelli Nitro offre la combinazione unica di una potenza assoluta e di una connettività wireless, moltiplicando così per i portatori le opportunità di mantenersi in contatto.

La novità. A completare la gamma, Insio micon™, Insio iMini micon™ e la famiglia Motion micon™ sono ormai disponibili in tre livelli di performance: 7mi, 5mi e 3mi.

Sonic

Sonic ha presentato Charm, la nuova linea di apparecchi acustici di fascia media, al salone EUHA 2013. I prodotti Charm sono stati esposti con la totalità delle gamme degli articoli Sonic: Pep, Bliss e il popolare miniRIC Flip. Queste serie sono state tutte concepite nel rispetto della regola d’oro delle 4S della casa: «Sound (suono naturale), Speech (intelligibilità del parlato nel rumore), Simplicity (facilità di utilizzo) e Style (elegante identificabile). Ciascuna gamma è costruita sulla piattaforma Speech Variable Processing di Sonic, che dona una qualità sonora eccezionale e presenta numerosi vantaggi, in particolare opzioni di trattamento binaurale e di connettività wireless», ha spiegato Marcel Pattrick Vennik, direttore vendite internazionale di Sonic.

La gamma Charm è dotata delle funzionalità Speech Priority Noise Reduction, Adaptive Feedback Canceller e, ovviamente, dell’elaborazione del segnale Speech Variable Processing (SVP). Ad un prezzo accessibile, queste soluzioni per l’udito di adattano facilmente a tutti gli stili di vita. Come tutti i prodotti della gamma, Charm viene programmata con il software EXPRESSfit, interfaccia di adattamento esclusiva, ultrarapida e intuitiva.


Starkey

Una soluzione innovativa per alleviare i disturbi dei pazienti acufenici è Xino Tinnitus, da Starkey. © Starkey

Tri Series. Al centro di ogni apparecchio Tri Series si trova il sistema di valorizzazione BluWave® 3.0, concepito per ottimizzare le prestazioni negli ambienti sonori difficili che i pazienti affrontano quotidianamente. BluWave 3.0 è costruito sull’architettura aperta della Tri Series e permette anche l’esecuzione simultanea di diverse applicazioni necessarie per ridurre i rumori circostanti, analizzando la frequenza e l’intensità in ingresso.

La cartografia spaziale stereofonica rinforza le prestazioni dell’analisi della scena uditiva, che è associata agli algoritmi dell’elaborazione del segnale: InVision Directionality3, AudioScape e Voice iQ2. È stata concepita per garantire un comfort di ascolto ottimale ed un suono tridimensionale più naturale, e riduce le sensazioni percepite durante i cambi di programma automatici. È finito il tempo del Larsen, con il nuovo protocollo PureWave Feedback Eliminator3.

La soluzione Voice iQ2 si basa su un algoritmo di riduzione del rumore e di conservazione della parola dai risultati provati. Consente ai portatori di trovare una soluzione ad una delle difficoltà maggiori che devono affrontare: capire ciò che viene detto in un ambiente rumoroso.

Gli apparecchi Tri Series funzionano con la tecnologia Iris, piattaforma wireless esclusiva di Starkey, per collegarsi direttamente all’insieme degli accessori SurfLink ed offrire livelli di comfort, controllo e personalizzazione insuperati.

SurfLink Media è la prima soluzione di streaming automatica, che permette al paziente di ricevere direttamente negli apparecchi acustici il suono della televisione, dello stereo e di altri dispositivi.

Con il Telecomando SurfLink, i portatori possono regolare e controllare i loro apparecchi wireless premendo semplicemente un pulsante.

Il Programmatore SurfLink, combinato al software di fitting Inspire®, offre il meglio della programmazione wireless in termini di rapidità e flessibilità.

SoundLens Tri Series. Considerato che la richiesta di una soluzione invisibile è spesso uno dei freni espressi di fronte alla protesizzazione, e che la scelta di questa dipende sempre da molteplici fattori come la perdita uditiva, le dimensioni del condotto, gli stili di vita, Starkey ha apportato evoluzioni ulteriori a SoundLens Tri Series, per poter offrire una risposta a tutti coloro che dicono che non porteranno mai un apparecchio acustico perché non vogliono che si veda. La riduzione delle dimensioni dei componenti utilizzati e l’evoluzione della modellazione dei processi consentono oggi di costruire SoundLens Tri Series a partire da qualsiasi impronta. SoundLens è costituito da una chiocciola su misura, che assicura un primo adattamento confortevole e la soddisfazione dei pazienti più esigenti dal punto di vista estetico.

Individualmente, ciascun miglioramento apportato a questi intrauricolari rappresenta un progresso tangibile ma marginale, in materia di qualità e dimensioni di un intrauricolare in generale. Ma, visti collettivamente e strategicamente, i nuovi SoundLens Tri Series comprendono una placca del circuito più piccola, un nuovo design del micropackaging, un piccolo ricevitore tanto performante quanto un modello più grande, ed un microfono più piccolo perfettamente adattato alla nuova placca del circuito.

Grazie all’evoluzione del design degli intrauricolari Tri Series, Starkey persegue i suoi obiettivi di riduzione delle dimensioni degli apparecchi, aumentando il loro livello di producibilità e di affidabilità.

Spectral iQ è un algoritmo di abbassamento frequenziale che utilizza una strategia di duplicazione degli indici vocali destinati a migliorare l’udibilità dei pazienti affetti da una perdita uditiva ski-slope nelle frequenze acute.

L’ISO Compression permette una gestione indipendente su tre livelli per le intensità delle parole deboli (50 dB), medie (60 dB) e forti (70 dB). Questa tecnologia assicura un’esperienza uditiva ancora più personalizzata e confortevole.

PureWave Feedback Eliminator, la funzionalità che annulla il Larsen di Starkey, considerata come il punto di riferimento del mercato, è stato ulteriormente migliorato ed offre fino a 28 dB in più di guadagno stabile.

Xino Tinnitus. La soluzione Starkey per il trattamento degli acufeni funziona con la tecnologia Multiflex, con l’obiettivo di creare uno stimolo sonoro che sia il più vicino possibile al fastidio maggiormente avvertito dal paziente. L’innovazione del prodotto risiede nello sviluppo di strumenti utili all’adattamento e all’identificazione del tinnitus.

Prima di tutto, Starkey ha inteso mettere gli audioprotesisti nelle migliori condizioni per rispondere alle richieste, spesso complesse, dei pazienti acufenici. Fin dal momento in cui fissa il primo appuntamento, l’audioprotesista dispone di un questionario rivolto a definire l’importanza dell’acufene per il paziente. A partire dalle risposte che ottiene, potrà attuare facilmente una strategia di accompagnamento e di fitting su misura.

Dal punto di vista della tecnologia, la prima novità di Starkey consiste in una protesizzazione ottimale dello stimolo. Una preregolazione automatica, definita a partire dall’audiometria del paziente, viene proposta al fine di evitare le fastidiose sessioni di identificazione del rumore più frequente.

Starkey ha sviluppato un’applicazione specifica per la sua tecnologia SoundPoint, con SoundPoint Tinnitus. Questa evoluzione dovrebbe consentire agli audioprotesisti di coinvolgere i loro pazienti nella definizione del rumore bianco che li allevierà meglio dall’acufene che avvertono.

Dal punto di vista dell’amplificazione, l’audioprotesista fruisce di tutte le prestazioni della piattaforma X Series. Questo apparecchio è regolabile su dodici canali e su dodici bande. È dotato di algoritmi di elaborazione del segnale come l’anti-Larsen PureWave Feedback Eliminator, il riduttore di rumore Voice iQ² e Spectral iQ. Xino Tinnitus viene proposto in 40 dB, 50 dB e 60 dB di guadagno (2cc) nel ricevitore standard e in 60 dB e 70 dB nel ricevitore su misura. A partire dal debutto nel 2014, Starkey prevede la disponibilità di Xino Tinnitus nell’insieme della sua gamma, al fine di offrire una soluzione assolutamente discreta per tutti i pazienti.


Unitron

Gli apparecchi acustici della sfida di Unitron sono la nuova generazione di Moxi2 e Quantum2, integrati dalla piattaforma Era. © Unitron

Unitron ha illustrato la nuova generazione di Moxi™ e Quantum™, i suoi celebri apparecchi acustici integrati dalla piattaforma Era™. Con nuovi stili, Moxi2 e Quantum2 donano una prima protesizzazione ideale per i pazienti, che possono beneficiare di un suono perfettamente naturale e di una gamma completa di funzionalità, che assicureranno un ascolto senza sforzo, con quattro livelli tecnologici.

Le due gamme di prodotti comprendono tecnologie esclusive che forniscono facilità di ascolto e chiarezza del parlato, criteri essenziali per una prima protesizzazione riuscita e clienti soddisfatti. La tecnologia SmartFocus™2 è stata perfezionata e rende anche meglio in termini di intelligibilità del parlato in ambiente rumoroso: riduce i rumori fastidiosi, che influiscono per più del 90% sull’ascolto di un paziente. Il Software di Fitting Automatico di Unitron aggiunge il suo metodo comprovato per convincere i nuovi portatori di apparecchi: li fa cominciare dal loro livello di ascolto preferito, poi procede ad un aggiustamento progressivo, dolce e automatico, verso l’amplificazione di cui hanno bisogno.

Le gamme Moxi2 e Quantum2 si declinano in nuovi stili, per offrire ai professionisti dell’udito ulteriore flessibilità e rispondere meglio alle esigenze dei pazienti. La gamma Moxi2 comprende quattro stili di ricevitori intracanale a scelta, fra cui il Moxi2 Kiss ed il nuovo e robusto Moxi2 Dura. Quantum2 propone un ventaglio completo di BTE e ITE performanti, con un nuovo retroauricolare.

I modelli Moxi2 e Quantum2 sono anche disponibili con Unitron Flex:trial™, l’unica soluzione sul mercato che permette un test senza rischi e flessibile. Grazie a questa soluzione, la soddisfazione dei pazienti aumenta e l’adozione del primo apparecchio acustico è facilitata. Flex:trial consente agli audioprotesisti di proporre immediatamente in prova la tecnologia che consigliano ai pazienti, senza costi né impegno. I portatori sperimentano subito i vantaggi dell’apparecchio acustico, nel loro quotidiano. Dopo aver registrato un autentico successo dal lancio di un anno or sono, Flex:trial porta agli audioprotesisti uno strumento senza precedenti per rispondere alle esigenze dei pazienti e, allo stesso tempo, incrementare l’attività professionale.

Widex

Il caposaldo di Widex rimane, più che mai, quello di portare a ciascun ipoacusico la soluzione più naturale possibile: anche a chi ha un orecchio inutilizzabile. Un nuovo ausilio per superare questa problematica è stato mostrato al congresso degli audioprotesisti tedeschi EUHA.

Dream è ancora sotto i riflettori dei progettisti, con il lancio in Germania delle gamme Dream110, Dream220 e del nuovo BTE elegante Fashion, alimentato con una pila 312.

Tutti gli apparecchi acustici del marchio, come Dream e Menu, vengono disegnati nella sede della società, in Danimarca, ad impatto zero di anidride carbonica grazie al recupero dell’acqua piovana e ad un sistema geotermico per il riscaldamento e il raffreddamento, e grazie al fatto che il 95% del consumo energetico viene prodotto da un impianto eolico. Scelte che hanno reso Widex una delle prime aziende certificate WindMade.

Impianti

Advanced Bionics

La società proprietà del gruppo Sonova ha presentato il processore per impianti cocleari Naída CI Q70 ed il nuovo portaelettrodo HiFocus Mid-Scala.

Il processore del suono Naída CI Q70, che sembra un retroauricolare, è il 40% più piccolo dell’attuale processore Harmony. «Il nostro passaggio al gruppo Sonova ci ha consentito di disporre delle tecnologie Phonak», ha commentato per il marchio Advanced Bionics Didier Caron, direttore in Francia. «E soprattutto di microfoni direzionali adattivi e della connettività senza fili, attraverso il ComPilot che si indossa come un collare».

L’HiFocus Mid-Scala è concepito per proteggere le strutture delicate della coclea: «È assai poco invasivo, poiché il suo posizionamento perimodiolare nella coclea consente di preservare le sue parti delicate e anche l’udito residuo», ha commentato Caron. «Questo, per di più, senza compromettere le prestazioni, grazie ad un posizionamento che consente la migliore stimolazione elettrica possibile del nervo uditivo. Inoltre si adatta a diversi approcci chirurgici, fra cui l’inserzione nella finestra rotonda». Questo strumento è stato progettato per evolvere, e potrà anche beneficiare delle future tecnologie appena saranno disponibili sul mercato.


Med-El

L’impianto a conduzione ossea Bonebridge è composto da due parti: l’impianto BCI e l’audioprocessore Amadé. © Med-El

Rondo®. Med-El ha presentato Rondo, nuovo concetto di audioprocessore per impianti cocleari (IC) sotto forma di un modulo compatto tutto-in-uno. Rondo contiene la centralina e il vano batterie in un unico e medesimo apparecchio, posizionato dietro l’orecchio, accanto alla parte interna e fissato ad essa da un magnete. La piattaforma elettronica è identica a quella dell’Opus2 e il paziente riceve le stesse strategie di codifica FineHearing®, che forniscono una buona struttura dell’informazione fino a 1 kHz. Senza attacco all’orecchio, né antenna, né cavo, e grazie ad una concezione interamente integrata, Rondo è composto da poche parti. Siccome l’orecchio rimane libero, Rondo è una scelta di audioprocessore ideale per le persone che portano abitualmente gli occhiali. L’autonomia è di cinque giorni, grazie ad un gioco di tre pile zinco-aria tipo 675. L’utente può anche connettersi ai sistemi di ascolto assistiti, attraverso la spira magnetica integrata, o collegarsi direttamente al pacco batterie esterno Mini, attraverso un cavo di connessione. L’audioprocessore è disponibile in quattro colori: antracite, grigio chiaro, crema ed ebano.

Bonebridge. Nel maggio 2012, al congresso dell’ESPO – European Society of Pediatric Otorhinolaryngology ad Amsterdam, Med-El aveva presentato Bonebridge, il primo impianto attivo a conduzione ossea al mondo. La tecnologia transcutanea utilizzata da molti anni in altri impianti uditivi – impianto cocleare o impianto dell’orecchio medio – è oggi disponibile anche per la conduzione ossea. Bonebridge è indicato per le persone che soffrono di una sordità mista, trasmissiva o unilaterale. È costituito da due componenti: un impianto chiamato BCI (la parte interna) e l’audioprocessore Amadé, che viene posizionato fra i capelli di fronte alla parte impiantata. L’impianto BCI contiene il trasduttore elettromagnetico BC-FMT, una bobina e un magnete. Bonebridge è compatibile con la risonanza magnetica fino a 1,5 tesla. L’audioprocessore Amadé BB offre sedici bande di frequenza e otto canali di compressione: è dotato di un doppio microfono direzionale, di una riduzione del rumore del vento, di un’attenuazione del suono e di un programma di gestione del suono e del parlato che riduce i rumori di fondo fastidiosi; si indossa in maniera discreta, coperto dai capelli, ed è disponibile in quattro colori. Bonebridge è certificato dal marchio europeo CE. Fino ad oggi, diverse centinaia di pazienti al mondo hanno ricevuto questo tipo di impianto.

Neurelec

Il fabbricante di impianti cocleari annuncia la prossima uscita della Neo Collection di Saphyr, dotata di una nuova strategia di codifica e di numerose opzioni. «Questo nuovo processore porterà un forte miglioramento della comprensione del parlato nel rumore, grazie al sistema di riduzione del rumore Voice Track ed alla nuova strategia di codifica dell’elaborazione del segnale CrystalisXDP», ha spiegato Bertrand Philippon, ingegnere di supporto clinico di Neurelec. «XDP è la nuova compressione di uscita multibanda di Neurelec. Questa nuova serie offre ai pazienti anche una connettività wireless e un nuovo design».

Oticon Medical

Il gruppo William Demant, specializzato nella riabilitazione delle sordità dal 1904, propone dal 2009 soluzioni uditive ad ancoraggio osseo, attraverso la divisione Oticon Medical.

Rivolto alla riabilitazione delle sordità trasmissive o miste e delle sordità totali unilaterali, il sistema osteointegrato Ponto si adatta a tutte le esigenze. A seconda dello spessore della pelle e della tecnica chirurgica impiegata, è possibile scegliere fra diverse lunghezze di pilastro: sei, nove o dodici millimetri; esiste anche un pilastro angolare. La superficie di Brånemark e la geometria autofilettante degli impianti del marchio consentono di ottenere un’integrazione ossea efficace e sicura.

Oticon Medical ha fatto del sistema osteointegrato Ponto una soluzione funzionale, semplice e facile da impiantare. L’obiettivo è quello di assicurare risultati a lungo termine ai pazienti, offrendo loro libertà di scelta.


Batterie

Rayovac

La famiglia Proline di Rayovac. © Rayovac

Allo stand Rayovac, numero uno al mondo per la fabbricazione di batterie per apparecchi acustici, gli esperti hanno vissuto un’annata da record: «Partecipiamo da molti anni al congresso più importante del settore ed è un piacere per me annunciare che quest’anno è stata la migliore edizione di tutte», ha dichiarato Paula Brinson-Pyke, direttore marketing.

Rayovac ha informato i professionisti dell’udito del lancio di un istituto per il design e una tecnologia di punta, un investimento per Spectrum Brands del valore di dieci milioni di dollari. La volontà di Rayovac di investire nella crescita futura e in sviluppi industriali innovativi è stata interpretata nello stand, che ha presentato il nuovo programma ProLine, che combina le eccellenti prestazioni delle batterie per apparecchi acustici con un piano unico di fidelizzazione. Rayovac ha anche illustrato una gamma estesa di accessori per batterie di apparecchi acustici e di prodotti associati, a completamento dell’attuale portfolio.

Varta Microbattery

La famiglia di batterie wireless mercury-free Power One. © Varta Microbattery

«Insieme all’ascolto del futuro»», è stato lo slogan di Power One – made in Germany. Dal 16 al 18 ottobre 2013, Varta Microbattery ha presentato nuove pile uditive al congresso EUHA di Norimberga. Le batterie Power One approvato-wireless mercury-free sono state presentate nei formati 13 e 312. Oltre centocinquanta ricercatori e progettisti di Varta Microbattery hanno lavorato a queste batterie per apparecchi acustici, al fine di ottenere prestazioni massime. Una tecnologia di catodi innovativi e un livello di tensione costantemente elevato garantiscono un suono ancora più puro e una qualità ottimale dell’apparecchio. Per i dispositivi wireless, le soluzioni di nuova generazione e l’applicazione bluetooth, la nuova pila Power One approvato-wireless mercury-free è la fonte di energia ottimale. La gamma di prodotti Power One è stata inoltre arricchita della pila Power One Implant plus 13, che è stata sviluppata per apparecchi acustici con applicazioni ad alta potenza, come ad esempio lo streaming.

ZPower

Le batterie ricaricabili argento-zinco sono la nuova soluzione ZPower, che sarà adottata dagli apparecchi Starkey. © ZPower

Starkey Hearing Technologies. Starkey Hearing Technologies, uno dei leader del settore audiologico, ha annunciato una partnership tecnologica con ZPower, fabbricante di batterie argento-zinco. Le due aziende si sono unite per progettare pile ricaricabili e un sistema di ricarica rivoluzionari per l’utilizzo delle soluzioni uditive di Starkey Hearing Technologies. Questo sistema di batterie ricaricabili offre numerosi vantaggi ai portatori di apparecchi acustici, permettendo loro in particolare di indossarli durante la giornata e ricaricarli comodamente durante la notte. Le batterie sono interamente riciclabili e contribuiscono a produrre meno rifiuti di quelle usa-e-getta. «Noi di ZPower siamo soddisfatti di aver stretto una collaborazione con Starkey Hearing Technologies», ha dichiarato Ross Dueber, presidente e direttore generale ZPower. «Il nostro processo chimico argento-zinco ricaricabile fornisce circa il doppio di energia in più delle pile nichel-metalidrato attualmente impiegate negli apparecchi acustici ricaricabili. Vale a dire che i pazienti possono vivere tranquilli: non rischiano più di trovarsi a corto di batteria durante la giornata».

Swindon Silicon Systems. Swindon Silicon Systems, leader nel settore dei circuiti integrati specifici ad un’applicazione (ASIC) a segnale misto, ha annunciato una partnership tecnologica con ZPower, leader della fabbricazione di batterie argento-zinco. Nel quadro dell’accordo, Swindon progetterà e produrrà un ASIC per la gestione dell’energia in miniatura, che consentirà ai fabbricanti di apparecchi acustici di integrare la tecnologia delle batterie ZPower nei loro sistemi TNS esistenti senza apportarvi modifiche. «Le microbatterie ad alta densità energetica ricaricabili di ZPower sono molto promettenti per i portatori di apparecchi acustici», segnala Richard Mount, direttore commerciale e marketing di Swindon. «Consentono una giornata intera di utilizzo in cambio di una ricarica notturna, in tutta comodità, quando essi dormono. Producono considerevolmente meno rifiuti delle pile usa-e-getta tradizionali e sono in tutto riciclabili». L’ASIC Swindon metterà questa tecnologia a disposizione di tutti i fabbricanti di soluzioni per l’udito e consentirà loro anche di progettare nuovi articoli dotati di pile ricaricabili, superando finalmente l’era dell’approccio consumistico.

Per saperne di più e impostare i tuoi parametri.">